La mafia vista dai banchi delle scuole superiori d'Italia. Dopo Toscana, Lazio, Liguria, Trentino e Piemonte ora è il turno della Lombardia. Fino al 15 febbraio tutte le insegnanti delle classi terza, quarta e quinta possono far partecipare i loro studenti ad una ricerca condotta da "Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" per misurare il grado di conoscenza del fenomeno mafioso. "L'obiettivo è capire come ci siamo mossi in questi anni, che cosa dobbiamo migliorare e dove dobbiamo puntare nel nostro lavoro nelle scuole", spiega Davide Salluzzo, referente lombardo di Libera.

Il questionario si sviluppa su una trentina di domande incentrate sulla percezione del fenomeno. Può essere compilato individualmente a scuola, in un laboratorio di informatica, oppure a casa. Accedere è semplicissimo: le insegnanti interessate devono compilare un primo form online, consultabile a questo link. Dopo la prima serie di dieci domande necessaria per l'anagrafica della classe, ...